Vendita prodotti Protesi seno, peeling antimacchie, peeling antirughe, guaine braccia, guaine gluteoplastica

+39. 081 7436148 info@apiramedical.it

Soluzioni estetiche d’avanguardia – le protesi

Soluzioni estetiche d’avanguardia – le protesi

Le protesi al seno o protesi mammarie vengono utilizzate nell’ambito della chirurgia estetica per due motivi: 1.)aumento delle dimensioni del seno (mastoplastica additiva), 2.) correzione o rimodellamento del seno. In entrambi i casi le domande fondamentali che tutti si pongono è: come faccio a sapere se la protesi che mi andranno ad impiantare è sicura? e se le protesi dovessero rompersi ? le protesi al seno possono essere pericolose per la salute?

ALCUNI PUNTI CHIAVE NELLA SCELTA DELLE PROTESI. Fino agli anni ’80 la produzione e l’utilizzo di protesi mammaria non era regolamentata da leggi specifiche. Da allora sia negli Stati Uniti che in Europa si è resa indispensabile l’introduzione di una normativa specifica sempre più rigorosa che vincola i produttori di protesi al rispetto di standard di sicurezza sempre più stringenti. L’Italia è un paese all’avanguardia da questo punto di vista e sono commercializzate nel nostro paese solo protesi che rispondono a criteri e standard di sicurezza precisi.

ALCUNI PUNTI CHIAVE NELLA SCELTA DELLE PROTESI

Ho provato a stilare qui una serie di punti che a mio avviso risultano fondamentali e che ogni utente che intende sottoporsi ad un intervento di aumento o rimodellamento del seno attraverso l’utilizzo di protesi mammarie dovrebbe tenere sempre a mente:

Primo. Bisogna sapere che il nostro paese vieta l’ impianto alle minorenni di protesi mammarie e dispone obblighi informativi ai pazienti che si sottopongono agli interventi che richiedono l’impianto di protesi. Quindi la prima cosa da fare è affidarsi a professionisti esperti e qualificati che rispettano tali divieti e che siano forniti di comprovata esperienza.

Secondo. Farsi impiantare solo protesi mammarie che dispongono di un certificato CE e siano in linea con la normativa tecnica europea. Questi prodotti sono fabbricati conformemente ai più recenti dettami scientifici e tecnici, sono testati a livello clinico e soddisfano le prescrizioni previste dalla legge. L’utente deve prendere visone della documentazione allegata alle protesi impiantate ivi inclusi i certificati di conformità ed ogni altra documentazione utile che garantisca l’affidabilità del dispositivo.

protesi mammarieTerzo. E’ importante che la documentazione che attesta la conformità delle protesi sia coerente con il tipo di protesi impiantata. Infatti esistono diversi tipi di protesi mammarie:

  • protesi con soluzione salina; hanno una membrana  (involucro) di silicone riempito con una soluzione salina sterile.
  • protesi con gel di silicone; hanno una consistenza più o meno morbida. Le protesi in Gel di Silicone sono le più utilizzate, nei 90% circa degli interventi di aumento seno.
  • protesi a laccio; tipo di protesi meno comune. Il materiale utilizzato per queste protesi è il polipropilene. Le protesi a laccio consentono al seno di continuare a crescere dopo l’intervento e per questo vengono preferite dalle donne che vogliono avere il seno della massima grandezza possibile.

Al di là della scelta del tipo di protesi da impiantare, scelta che dovrà essere attentamente valutata con il chirurgo in base alle proprie caratteristiche anatomiche e morfologiche e ai propri obiettivi estetici, la cosa importante da sapere è che le protesi possono avere caratteristiche diverse. Anche la documentazione di accompagnamento alle protesi scelte pertanto dovrà rispecchiare questa differenza.

 

 

 

ALCUNE CARATTERISTICHE CHIAVE NELLE DIVERSE PROTESI

Una breve panoramica sulle caratteristiche delle diverse protesi è doverosa per imparare ad orientarsi meglio e sapere con chiarezza quello che realmente si vuole e ciò che ci si può aspettare.

Le protesi contenenti gel di silicone conferiscono le caratteristiche di consistenza, morbidezza e mobilità più simili a quelle tipiche della mammella. Sono quelle fino ad oggi maggiormente usate da milioni di donne in tutto il mondo. l loro utilizzo è stato riammesso anche negli Stati Uniti d’America, dove erano state bandite in quanto sospettate di provocare malattie neoplastiche ed autoimmunitarie e di mascherare la presenza di eventuali tumori della mammella. Studi successivi ed allargati su scala internazionale hanno dimostrato l’infondatezza di questa ipotesi. Oltre che per il materiale di cui sono costituite, le protesi mammarie possono essere scelte in base alle dimensioni, forma e consistenza (più o meno morbide). Per quanto riguarda la forma, esistono protesi tradizionali – che hanno una forma grossolanamente emisferica, con base circolare – e protesi “anatomiche”, che riproducono la forma “a goccia” tipica del profilo naturale delle mammelle.

Questo articolo è stato scritto dal dott. Silvio Smeraglia (Chirurgo plastico ed estetico) per Apira Medica – Soluzioni estetiche d’avanguardia
× Prenota subito il tuo posto!